9° Trofeo di surfcasting Ploaghe Fishing Club

Pesca a surfcasting nel Nord Sardegna : 9° Trofeo Ploaghe Fishing Club

Nella notte tra il 10 e l’11 settembre, nel nord della Sardegna e più precisamente lungo le spiagge che si estendono da Porto Torres e sino a Stintino, si è disputato il trofeo di surfcasting città di Ploaghe, gara a coppie con campo picchettato. La manifestazione, diventata con gli anni una classicissima del panorama agonistico sardo, è stata organizzata dai ragazzi dell’omonima società locale di pesca sportiva e cioè “Ploaghe Fishing Club” capitanata dal presidente Massimiliano Cabras. Il titolo di classicissima di cui si fregia con pieno merito la kermesse del nord Sardegna, non è casuale, da anni infatti, i ragazzi del sodalizio di Ploaghe, lavorano con passione e costanza con l’intento di riuscire a coinvolgere nell’ambizioso progetto, un numero sempre crescente di aziende disposte a sponsorizzare l’evento. I numeri anche quest’anno parlano chiaro e sono dalla parte dei ragazzi del presidente Cabras, infatti dando uno sguardo alle locandine che hanno pubblicizzato l’evento, ci si rende conto che le aziende coinvolte sono tante e rappresentano il territorio circostante, tuttavia, non mancano sponsor che arrivano da lontano, ciò è segnale di grande impegno e determinazione. Lasciatemi dire che: il lavoro svolto in fase di preparazione è stato veramente capillare e non ha lasciato nulla al caso. Un grosso plauso pertanto lo facciamo al presidente Max Cabras ma anche a tutti i componenti del Ploaghe Fhising Club che, hanno remato senza mezzi termini in un unica direzione. Ovviamente, a beneficiare di tutto questo lavoro ed impegno, sono i concorrenti in gara, che hanno potuto contendersi un montepremi da favola.

Tutti a pesca

Dicevamo in apertura che le spiagge interessate dalla contesa sportiva erano quelle che si estendono da Porto Torres e sino a Stintino, guardando la loro posizione ci si rende conto che sono esposte a nord nord-est, pertanto i venti che smuovono il mare sono da ricercarsi tra la tramontana ed il grecale. Manco a dirlo, nei giorni precedenti la gara a soffiare e stato proprio il grecale che, come si può ben immaginare a creato un gran bel movimento. Tra gli organizzatori e coloro che avevano deciso di partecipare alla gara, aleggiava un unica preoccupazione: le alghe. Se da un lato infatti onde e turbolenza creavano le giuste condizioni per affrontare al meglio la contesa sportiva, di contro l’accumulo di alghe poteva compromettere le buone possibilità che il meteo aveva creato. Per fortuna di tutti, la tanto odiata erba strappata ai fondali, sospinta dalla corrente si depositava in due tre punti, lasciando il resto dell’arenile a disposizione di organizzatori e garisti. Infine, la gran turbolenza creatasi nei giorni che hanno preceduto la gara, aveva mollato sensibilmente, pertanto il mare si presentava quasi calmo, ciononostante, nella testa dei partecipanti c’era l’idea che le premesse perché potesse essere una buona nottata a pesca c’erano tutte. Al momento del fischio iniziale, in spiaggia si notavano postazioni super attrezzate e concorrenti pronti a darsi battaglia, decisi a sfruttare gli ultimi bagliori di luce per tentare le classiche prede che gironzolano nel sotto costa nelle ore diurne, parliamo in primis di lecce stella e tracine.

La notte di Efisio e Stefano

A sorpresa ma non troppo, considerando anche le caratteristiche della spiaggia interessata, ad aggredire gli inneschi proposti erano occhiate, “sparlotte” ed oratelle, la nuova strategia da adottare non si discostava di molto da quella preventivata, pertanto quasi tutti si facevano trovare pronti. In questo tipo di pesca e si sa, ha la meglio chi è più veloce nel cambiare e riproporre in acqua calamenti già innescati, nel sottile gioco del mordi e fuggi, i più lesti sin da subito erano Stefano Ghiani ed Efisio Mostalino che, nel giro di un paio d’ore distaccavano l’agguerrita concorrenza e ponevano le basi per veleggiare solitari e tranquilli verso il traguardo finale. I due forti agonisti del sud Sardegna terminavano la loro prestazione portando alla pesa ben 45 prede valide totalizzando la bellezza di 6418 punti. Con questi numeri Stefano ed Efisio staccavano la concorrenza e naturalmente volavano dritti verso il meritato trionfo finale. Una bella vittoria a suggello di una grande stagione, che si aggiunge a quelle conquistate in primavera ed durante l’estate che pone questa coppia in cima alla virtuale classifica di trofei conquistati nel corso dell’anno solare. Molto bene anche la coppia di casa composta da Marco Rocco e Giovanni Maria Mura che portavano alla pesa 32 prede valide totalizzando 4226 punti, per loro un meritatissimo secondo posto finale e la soddisfazione di aver mantenuto alta la bandiera degli organizzatori. Ottimo terzo posto finale per Piergiorgio Marras ed il giovane Gabriele Farina, le prede valide in questo caso erano 18 per un totale di 2740 punti. Da segnalare anche la bella prestazione di Marcello Carbini e Giancarlo Casu ed inoltre di Mirko Fresu e Daniele Pisutu, entrambe le coppie conquistavano il settore di loro competenza e si posizionavano rispettivamente al 4° ed al 5° posto finale.

Il gran finale

Al mattino, il raduno per le operazioni di pesatura, la conseguente classifica e quindi la premiazione finale, si svolgevano presso i locali del centro sportivo-ricreativo del paese di Ploaghe. La location prescelta si presta egregiamente per manifestazioni di questo tipo, avendo ampi spazi che permettono di effettuare tutte queste operazioni nel miglior modo possibile. A suggello di una bella nottata a pesca e di una kermesse organizzata impeccabilmente, gli organizzatori proponevano un ricco buffet, innaffiato dagli immancabili vermentino e cannonau e dalla famosa birra jchnusa,  ovviamente super gradito da tutti. L’atto finale della due giorni di Ploaghe, era come di consueto la premiazione che, a vario titolo ha interessato più di 40 concorrenti. A noi non ci resta che fare i complimenti a Massimiliano Cabras e a tutti i componenti della società Ploaghe Fhising Club che come al solito sono stati capaci di organizzare una grande manifestazione.

Pesca a surfcasting nel Nord Sardegna : il podio del 9 Trofeo Ploaghe Fishing Club.
Pesca a surfcasting nel Nord Sardegna : il podio del 9 Trofeo Ploaghe Fishing Club.

 

Antonio Mele

Pesco abitualmente a La Caletta, lungo la costa orientale Sarda. Pesco in mare fin da ragazzino, quando le canne erano in bambù e la parola surfcasting ancora non si conosceva. Da allora di cose me ne sono successe molte ma la passione per la pesca si è sempre accresciuta portandomi anche a diventare teste dell'azienda Pesca Fishing Shop per i prodotti del marchio Italiano Surfitaly che per me sono quanto di meglio oggi un pescatore possa desiderare.