Calamenti da surf: la posizione degli snodi

Conoscere la migliore posizione degli snodi nei calamenti e travi da pesca a surfcasting

Nel momento in cui ci si appresta a realizzare uno o più calamenti da pesca a surf casting, in ognuno di noi dev’essere ben chiara la posizione in cui verranno bloccati gli snodi. È fondamentale sapere come e dove i travi saranno chiamati a lavorare e sopratutto che pesci si intendono insidiare.

Cose che devono condizionarci nella scelta dei travi per pescare a surfcasting e fare pesca a fondo

Calamenti surfcasting pesca in mare dalla spiaggia travi_MORMORA_OCCHIATA
UNA MORMORA (A SINISTRA) E UNA DRSCRETA OCCHIATA (A DESTRA). PREDE DA PESCA A FONDO.

Se la battuta si svolge in una spiaggia dove è marcata la presenza di grufolatori, gli snodi possono essere posizionati ravvicinati e non distanti dall’aggancio del piombo. La nota attrazione che provano queste specie per i movimenti sul fondo, infatti, induce tutti noi a effettuare la classica trainetta, che, serve a smuovere appunto la sabbia e attirare mormore, orate o saraghi; in questo caso, la posizione degli snodi vicina all’aggancio del piombo risulta vincente. Se invece puntiamo le nostre attenzioni verso i predatori, si evidenzia la necessità di sollevare gli inneschi dal fondo; ecco che gli snodi verranno posizionati in prossimità dell’asola che serve per agganciarsi allo shock leader. Lo stesso discorso fatto per i predatori è valido quando si intendono insidiare le specie che nuotano e si nutrono lontano dal fondo, come per esempio: occhiate, salpe, lecce stella, sugarelli, sparlotti, aguglie e cosi via. Questi sono pesci non tipicamente da surf ma nella paf e nelle gare sono catturati di frequente. Un calamento rivolto a pesci di media taglia e da utilizzare nelle competizioni può essere realizzato a tre snodi. Nel caso dei tre snodi la colla per fissare le perline è sicuramente molto usata. Ritornando però alla pesca per diletto al pesce di taglia, che proprio tutti quanti amiamo, sarebbe ideale poter spostare a nostro piacimento lo snodo, o al massimo i due snodi, che ci sono sul trave. Saranno da spostare in base alla situazione del momento.

Pesca a surfcasting: gli stopper che fermano una girella

Calamenti surfcasting pesca in mare dalla spiaggia travi_snodi scorrevoli con legature
DUE SNODI SCORREVOLI SOLO SOTTO SFORZO, PERCHE’ REALIZZATI CON FILO DA LEGATURE (QUELLO DI COLORE GIALLO).

In questo caso ci vengono in aiuto, i “chicchi di riso”, cioè stopper in silicone: scorrono sulla lenza madre e ci permettono di poterlo spostare come vogliamo. Vediamo snodi realizzati con stopper in silicone nella foto di apertura di questo articolo. Stesso risultato si può ottenere bloccando due comuni perline tra due legature fatte con filo apposito (il filo giallo che vedete nella foto qui accanto). L’unico problema si riscontra di tanto in tanto quando la legatura si sciogle e va rifatta da capo. Ad ogni modo, che si opti per stopper in gomma, o per legature scorrevoli, con pochissimi travi si riescono a coprire tutte le esigenze di pesca amatoriali, spostando gli snodi e cambiando i braccioli.  A proposito di braccioli, clicca qui per leggere un altro mio articolo (Antonio Mele) dedicato alla loro lunghezza e al diametro.

Conoscere la migliore posizione degli snodi nei calamenti e travi da pesca a surfcasting

Calamenti surfcasting pesca in mare dalla spiaggia travi_02

Antonio Mele

Pesco abitualmente a La Caletta, lungo la costa orientale Sarda. Pesco in mare fin da ragazzino, quando le canne erano in bambù e la parola surfcasting ancora non si conosceva. Da allora di cose me ne sono successe molte ma la passione per la pesca si è sempre accresciuta portandomi anche a diventare teste dell'azienda Pesca Fishing Shop per i prodotti del marchio Italiano Surfitaly che per me sono quanto di meglio oggi un pescatore possa desiderare.