Cefalo: esca regina per i pesci predatori della pesca a surfcasting

Per pescare pesci predatori a surfcasting niente è meglio del cefalo (o muggine). Pesci serra e spigole lo divorano vivo o a filetti

Quando si parla di muggine (o cefalo), si parla dell’esca numero uno del surf, o quantomeno di una delle migliori con riferimento alla ricerca del pesce di taglia; un’insidia che assieme alla sardina e ai cefalopodi ha fatto la storia della tecnica di pesca a lancio sull’onda. I vecchi “pionieri” non si sbagliavano nel qualificare il muggine come il non plus ultra per i predatori. Noi di Surf Casting TV lo menzioniamo quasi sempre e, con tutta evidenza… un motivo ci sarà.

Inneschi a base di cefalo (o muggine)

Per innescarlo vivo useremo un amo o una coppia di ami e agganceremo il muggine sottopelle. È incredibile come ogni predatore perda diffidenza al cospetto di un guizzante e terrorizzato muggine! La spigola e il pesce serra sono solo i due predatori che capiteranno ai nostri ami con maggiore frequenza ma non sono i soli, perché il cefalo piace alla leccia amia, alla lampuga di grossa taglia, al dentice alla ricciola e persino alle ombrine di taglia extralarge, mentre il filetto cattura anche la murena e il grongo. Anche il filetto può essere catturante, con le spigole nel mare mosso e con i pesci serra in ogni condizione di mare. Con un flotter interno è ancora più micidiale.

Potrebbe interessarti anche questo articolo sugli inneschi da pesca a surfcasting surgelati.

Spigola pescata a surfcasting con cefalo vivo.
Spigola pescata a surfcasting con cefalo vivo.

Fabrizio Gisarella

Amante della pesca, del surfcasting e della natura più in generale, risiedo a Noto (Siracusa).